Fronda d’ulivo

Il commento alla poesia dialettale “Fronda d’ulivo” mi sembra il miglior collegamento possibile tra la giornata di sabato e il prossimo evento di Riflessioni a ruota libera.
Una ragazza senza nome, detta fronda d’ulivo, è innamorata di un giovane anche lui senza nome, detto quello che anelo io, il padre la vuole sposare ad un terzo, ancora senza nome, quello che marita.
C’è l’universale violenza del matrimonio combinato nell’essere privi di nome, ma anche i matrimoni combinati alcune volte sono andati bene. Nella tradizione popolare della poesia c’è un dire in più: la ragazza è una fronda d’ulivo. Non è una persona, agli occhi del padre, ma un ramoscello che si può innestare dove si vuole. Non ha desideri, come la fronda dell’ulivo, non ha pensieri, non ha affetti.
E la fronda si ribella: non riesce ad opporsi al rito del matrimonio, come vorrebbe, e si oppone alla pratica del matrimonio. Fugge via dal marito e si reca dal suo amato dicendo: “Se non mi vuoi perché trovi che il mio amore per te sia disonesto, allora uccidimi!”
Il suo amato capisce quale valore ha una donna che decide con chi comporre il proprio desiderio, la prende in casa, difendendola dagli insulti del marito.
“Mi è scappata una mula!” dice il marito.
E l’amato risponde: “Non è una mula, è una signora e vuole stare dentro un palazzo!”
A questo punto il marito è dileggiato dalla propria stessa madre.

Tutti possiamo riconoscerci nell’essere stati fronde d’ulivo e muli nel pensiero di qualcuno. E per tutti, attraverso questa poesia, si apre la possibilità di riprendere la guida della nostra vita. Il “Bureau d’echange de maux è sempre aperto dentro noi stessi e abbiamo sempre la possibilità di scambiare una scelta malefica con una benefica.

Quello che ho scritto valga come ringraziamento per Angela Matera e Elisabetta De Lucia che ci hanno messo a disposizione una raccolta ragionata del sapere popolare lucano. Ogni regione ha i suoi particolari saperi, alcune volte gli errori e i valori vengono mostrati con particolare evidenza. È il caso di Fronda d’ulivo.

Proverbi e detti lucani – Identità e specificità di una comunita contadina

“Il dialetto è come i nostri sogni, qualcosa di remoto e di rivelatore; il dialetto è la testimonianza più viva della nostra storia, è l’espressione della fantasia”.

Federico Fellini

Sarà presente l’autrice MATERA ANGELA

presenta CARMELO OCCHIPINTI

interverranno Michele Mancino e Marisa Ferrario Denna

SABATO 5 MAGGIO 2012 – ORE 10,30

Galleria Boragno

Via Milano, 4 – Busto A. – Tel. 0331.635.753

Commento

A mio parere la figura mitologica di Medea potrebbe costituire uno dei paradigmi di una certa patologia psichica, ovviamente selezionando le parti più precise da quelle più sfumate. Alla figura di Medea attingono vari autori sia nell’antica Grecia che a Roma, o in nazioni ed epoche a noi più vicine. Dall’interrogarsi dei vari autori e dalle scelte che fanno si potrebbe ricavare un quadro coerente come ho fatto con Narciso e con Edipo.
In questo lavoro ovviamente si modifica il quadro filologico ed ermeneutico, ma il mio obiettivo è quello di mostrare (sempre mostrare ciò che è evidente e non ha bisogno di essere dimostrato) il processo di scelta del soggetto nel percorrere la strada della patologia.
Se un giorno percorrerò la strada di mettere a fuoco la figura di Medea, lo farò con l’obiettivo che ho appena detto. Senza che ciò costituisca un impegno per me, al momento sono portato a mettere in cantiere questo lavoro nel quale risponderò proprio alla tua domanda:
ma come fa una persona a combinare un disastro simile?
Non ti sarà sfuggito il fatto che ho modificato la tua domanda. Al posto di quella che tu descrivi come scissione del soggetto (e a buon diritto), ho messo un soggetto integro perché, non solo in questa occasione, considero il pensiero scisso e non il soggetto.
Ad una persona che tiene separati due pensieri si può fare vedere la linea che li unisce, o meglio, si può mostrare come lui stesso li unisca. Se consideriamo la persona, o il soggetto scissi tra inconciliabili opposti non li uniamo più.
Si può mostrare il nesso tra due pensieri, come si può constatare una cosa che non esiste, ad esempio la scissione del soggetto.
Detto per inciso, ciò che Freud chiama rimozione è il fatto che è saltato il nesso tra un fatto e un pensiero, tra un ricordo e una decisione. E ciò che chiama scissione del pensiero è caratterizzata dall’ampiezza, nel senso anche fisico-geometrico (in una parola, topologico) dei pensieri tenuti separati.
Ecco perché Medea fa una strage di massa, perché ha tenuto separato (e perciò omesso) il giudizio sull’oltraggio di cui è stata vittima.

Leggi anche l’articolo “Questione”

Questione

Quali processi psichici entrano in atto per far sì che la volontà di un soggetto pensante venga sdoppiata o, meglio, che si verifichi una dicotomia tra la volontà del soggetto e le convenzioni socio-culturali, i costumi di una civiltà che impongono una scelta differente da quella voluta? Mi spiego meglio: un esempio pressoché perfetto da accostare al già analizzato Edipo può essere la Medea descritta da Euripide ed Apollonio Rodio: in questo caso, l’ angoscia della scelta si pone fra il seguire nelle sue imprese Giasone (eroe bellissimo, ma pur sempre uno straniero ed uno sconosciuto), per il quale Medea nutre un amore bruciante, oppure tener fede al buon costume impostole dal fatto di essere figlia di un re, ovvero perseverare in una vita verginale ed irreprensibile. La scelta non può che essere tormentata, e la tragedia euripidea ci informa che alla fine Medea ha optato per tradire la propria terra e le proprie leggi, abbandonando il proprio padre per seguire Giasone. L’essersi assunta una tale responsabilità non solo sulla propria vita, ma sulla dignità sua e della sua famiglia, alla fine conduce un’indole già tormentata alla follia più estrema, culminante nell’atto di uccidere i figli per vendicarsi di un torto subìto da Giasone. E siamo al dunque: se Edipo è stato provocato per la prima volta dall’epiteto di “Bastardo” rivotogli da un ubriaco, a sua volta Medea è stata terribilmente condizionata dalla nomea di “Ragazza poco di buono”, “Irresponsabile” derivante da una concezione, profondamente radicata nell’antica Grecia, dell’onore personale come valore imprescindibile. Ci rendiamo dunque conto di quanto l’opprimente cappa della shame culture (“civiltà di vergogna/ di pudore”, come è stata definita dallo studioso Eric Robertson Dodds) sia di peso sull’agire del soggetto libero pensante: però non erano mica tutti matti questi greci… Quindi con quale disposizione psichica deve scontrarsi questa civiltà di vergogna per generare, da un soggetto libero pensante, un soggetto non libero e folle?
Giacomo Chierichetti

Prosegui leggendo l’articolo di risposta

Seconda pagina da “Cocomeri e guerre”


Gli psicoanalisti che li avevano in cura a partire dagli anni venti, quelli del cactus in sala d’attesa, non è che tenessero la barra del timone sempre ferma. E anche adesso che ci avviciniamo ai nuovi anni venti, quelli del 2000, non è che le barre si tengano ferme: tutti autistici, tutti organici, tutti psichici e non si capisce niente e le scarpe diventano strette. E con l’idea di farle diventare più comode ci si mette qualche interpretazione fasulla. Ma una scarpa stretta col cotone morbido diventa ancora più stretta!
Non ci sto: dobbiamo avere uno straccio di prova che sia psichico. Vale per tutti, nevrotici compresi, che anche loro ci sono perché ci fanno. Se non ci fanno, non sono affar mio, non sono i nevrotici che potrebbero andare da uno psicoanalista. Vadano da uno psichiatra, da un prete, da un esorcista; si facciano ricoverare in una clinica statica, dinamica e metallurgica, ma non intraprendano una psicoanalisi.
Ovvero stiamo usando le stesse parole per indicare fatti diversi: quelli che ci sono perché ci fanno e quelli che ci sono perché ci sono nati o diventati per disgrazia fisica.
Un altro straccio di prova ci serve per attestare come e qualmente che la persona ci mette prima qualcosa e poi tutto per fare funzionare l’eventuale psicoterapia o psicoanalisi. Visto che c’è perché ci fa, ha da fornirci qualche indizio sul fatto che sta cercando di smettere di farci.
Ed infine serve un altro straccio di prova che il lavoro stia procedendo, se no facciamo bene a lasciare perdere. Precisamente allo stesso modo dello stato di putrefazione dell’universo e dell’eventuale cadavere del dio minore che hanno bisogno di stracci di prova, come ho dimostrato all’inizio. Cioè a dire: sta venendo da noi un dio che ha perso in parte o del tutto la sua divinità e la vuole ritrovare, o è uno che aspetta il miracolo da noi?
E non dobbiamo dimenticare che non si tratta di prove, ma di stracci che possono volare al vento. Il pensiero invece, se è comodo, rimane. Non si vedono scarpe comode volare al vento. Il cotone vola, e come se vola!
Quelli di adesso, autistici voglio dire, se non parlano, non giocano, non imitano gli altri, hanno subito la dichiarazione. Ed è vero che magari non si pensano nemmeno (stavolta lasciatemelo dire: poverini!). Avendo davvero il cervello lesionato, si penseranno poco o niente.
Nel bel mezzo di uno scherzo, mi sono trovato a parlare di una serie di disgrazie. Però se io ne ho parlato scherzando e tenendo i piedi nelle scarpe comode, altri ne parlano con compassione e con i piedi in faccia alle persone.
Ogni tanto questo bambino, figlio di dio, disegnava. Mangiava poco e cresceva male, chiuso in se stesso. Così tutti erano preoccupati per lui. E per sua fortuna non c’erano medici per dire che aveva un difetto genetico, né psicoanalisti per fargli una terapia di quelle che durano trent’anni senza mai guardare in faccia il bambino, che nel frattempo smette solo di essere bambino.
Insomma fu abbandonato a se stesso e guarì. Ma non illudiamoci, non succede né a tutti, né spesso.

Due pagine da “Cocomeri e guerre”

Per introdurre il tema della prossima volta, il 24 aprile, ho spostato un testo che avevo già inserito e inserisco due pagine dal citato libro. Una oggi, una fra una settimana. Ciò che desidero fare è promuovere l’interesse intorno alla questione della difesa del bambino nella scelta patologica precoce. Di seguito la citazione:
La creazione dei fichi d’India

Il bambino però rimase male del fatto di essere stato sgridato e non parlò con nessuno per molto tempo. Sembrava autistico.
Anche certuni di questi si credono dei. Ma non proprio quelli di adesso che hanno una grave lesione da qualche parte del cervello e non possono pensarsi per nulla.
Il bambino figlio del dio minore era come gli autistici di una volta, quelli che c’erano prima di un certo Kanner che ha fatto tanta chiarezza, al tempo in cui invece di un cocomero scoppiò una guerra.
Ma la parola esisteva già e l’aveva inventata un certo Bleuler, nel 1907, per indicare alcune persone adulte che pensavano, secondo lui, di far da sé e perciò chiudevano i rapporti con gli altri. Come a dire, aggiungo io, automatici. Ma attenzione: non si lavavano, non parlavano, non guardavano, e via dicendo. Poi la parola venne applicata anche ad alcuni bambini.
Per essere chiari e non lasciare dubbi sul disturbo del figlio del dio minore: una volta i bambini, per essere dichiarati autistici, dovevano dimostrare che ci pensavano. Ad esempio, si pensava che ci pensavano (ma mi piacciono proprio i giochi di parole) perché si dondolavano, oppure mettevano le guance come se succhiassero dal seno, o sputavano nel vuoto. Se passava un altro, non capitava neanche per sbaglio che lo guardassero e senza farsi accorgere fissavano lo sguardo nello spazio vuoto di prima. Da qualche parte ho letto di un certo bambino che negli anni venti leccava il cactus nella sala d’attesa della sua terapista che continuava a tenere lì il cactus. Ora non c’è una lesione del cervello che fa leccare le foglie di cactus, sputare, guardare lo spazio vuoto e via dicendo.
Insomma si pensava che facevano a posta, come certe volte si dice: “Ma ci sei, o ci fai?”
E c’erano perché ci facevano e non smettevano mai di farci.
Nel mio piccolo essere dio, trovo che l’osservazione che ho appena fatto mi sta comoda, come certe scarpe che sono della misura giusta e di buon pellame e non ti accorgi neanche di averle ai piedi. Ci sono perché ci fanno. Semplice come bere un bicchiere d’acqua.
Questi autistici si può presumere che si pensino dei in mezzo agli stronzi, non come me che mi penso dio in mezzo agli dei.
Mi penso dio in mezzo agli dei, anche se fossero dei nevrotici, psicotici, autistici, stronzi, nemici e figli di buona donna. Sempre dei, in grado di cambiare idea su di sé, sull’universo creato, sulla madre di cui sono figli e soprattutto su di me. In grado di cambiare non solo idea, ma anche del tutto madre, padre, parenti, amici e conoscenti. Alcuni con un lapsus mi hanno chiamato mamma o papà. E se non cambiano idea, peggio per loro, la mia divinità non ne risente.
Gli autistici invece si pensano dei in mezzo agli stronzi puzzolenti che non possono smettere di puzzare e loro non smettono di farci e perciò di esserci.

continua…

Intorno all’autismo come questione

Autismo - Ho trovato nel web quest'immagine che ben rappresenta il concetto di autismo. Purtroppo non conosco l'autore per poterlo citare

Trovo che oggi sia necessario difendere il concetto stesso di psiche, il che equivale a dire che è il pensiero stesso ad aver bisogno di essere difeso. Sto continuando la sua difesa ad esempio dalla pretesa di una falsa scientificità che non si accolla neanche l’onere di definire ciò di cui si occupa.
Ho l’impressione nettissima che non si tratti solo di una cattiva pratica operativa, ma di una precisa intenzione di nascondere persino le tracce del pensiero.
Ciò mi risulta con particolare evidenza intorno alla diagnosi di autismo.
Il DSM (per i pochi che non sanno, il Manuale Statistico Diagnostico) fissa i criteri di definizione intorno alla mancanza di atti comunicativi. Ma la parola “autismo” era già occupata e designava una particolare affezione psichica nella quale erano evidenti i segni del non-volere-comunicare. Ad esempio: l’atto di evitare lo sguardo altrui, fino a farsi scoprire a non volere guardare; non la mancanza del contatto oculare (cosa che può derivare da una patologia neurologica gravissima) ma la prova del fatto che il soggetto in questione (adulto o bambino) non vuole guardare l’altro negli occhi.
Questa particolarità e le altre connesse (l’atteggiamento della bocca come se stesse a succhiare; il dondolare del capo; lo sputo nel vuoto; il rifugiarsi in un angolo della stanza con la faccia rivolta all’angolo) stanno ad indicare quella serie particolare di atti nei quali il soggetto dimostra che si chiude, come risultato di un’azione decisa e pensata volta appunto alla chiusura di se stesso.
Il tratto per cui si decide di prendere in terapia è dato dal fatto che il soggetto dimostra una minima apertura nei confronti di una persona qualsiasi che per ciò, e solo per ciò, può mettersi nella posizione di terapista.
Balza agli occhi il fatto che il tizio che si mette nella suddetta posizione non deve fare altro che lasciare al soggetto l’iniziativa. Al soggetto che prima si chiudeva in se stesso viene offerta la possibilità di aprirsi da una persona degna. A rendere degna la persona è l’iniziativa del soggetto nei suoi confronti.
In conclusione di questa breve notazione: atto psichico quello che inaugura la patologia, atto psichico quello che ne intraprende la via di uscita.
E gli altri? Quelli che non danno le due serie di prove? Coloro per i quali non si può ragionevolmente affermare che si chiudano in se stessi e che inizino il processo di apertura? Ce ne possiamo dolere, giustamente, ce ne possiamo occupare a qualsiasi titolo e ragione, ma non fanno parte di coloro per i quali una terapia psicologica è possibile.
Ma perché, in conclusione, è importante questa notazione? Primo, perché così impostate le cose non c’è chi non veda immediatamente la domanda: come mai il tal soggetto si è chiuso in se stesso? Secondo, perché si vede immediatamente che finora non ho messo in campo nessun criterio scientifico, ma solo una serie di dati osservativi, analoghi, se non simili, all’osservazione per la quale so di avere cinque dita per mano e due occhi.
Se tali osservazioni hanno il carattere della sicurezza, oppure quello dell’incertezza conoscitiva è questione che non riguarda la scienza, ma una serie malnata di elucubrazioni filosofiche. Ed anche qui, non è contro la filosofia, ma contro gli errori della filosofia; non contro la scienza, ma contro gli errori della scienza.
Ricordo infine che ho già voluto occuparmi della cosa nel “Cocomeri e guerre, ovvero la remota origine dei fichidindia” a cui rimando per una divertente discussione intorno alla questione.
www.cocomerieguerre.it

Senza parole, tranne grazie!

Ho motivo di essere soddisfatto per ieri sera, per quanti hanno partecipato in Galleria Boragno ed in streaming, intervenendo con domande e osservazioni.

Il motivo della soddisfazione è che assieme stiamo creando una comunione di idee e di pensiero che va da San Diego,in California, a Sidney, in Australia, dove si sono svegliati alle 6 del mattino, passando per New York, Barcellona (quella spagnola, non quella siciliana), la Svizzera, Milano, Pisa e Pistoia, Ragusa e ovviamente Busto Arsizio e altri di cui abbiamo sicurezza, ma non sappiamo il posto.

Sono poche persone per ogni luogo, poche ma buone, che condividono con me il principio di dare valore alle idee ed ai fatti che abitualmente vengono messi nel nostro stesso dimenticatoio e in quello più grande della cultura. Come ad esempio l’omosessualità di Laio.

È questa anche la ragione per la quale accomuno tutti nel ringraziamento a mia figlia Chiara, che  organizza tutto, a Francesca Boragno che mi supporta culturalmente e logisticamente, a Mauro di Family Studio e Giuseppe (GB) per il sostegno e l’attrezzatura tecnica ed infine ad Altiplena che ha offerto il caffè.

GB

www.giuseppebrugnone.com

Il caffè prendetelo con noi!

Ci siamo quasi! Stasera riprendono gli eventi di Riflessioni a Ruota Libera!

Cenate con calma, ma non prendete il caffè! Sarà Altiplena a offrirci un ottimo caffè 100% biologico!

Vi aspettiamo alle 21.00 in Galleria Boragno con “Edipo, lo zoppo! – Il potere della maledizione”!
(oppure in diretta streaming allo stesso orario)