La banalità del male

Il pensiero nascosto

Un contenuto di pensiero, fin dalla nostra più tenera età, si affaccia alla mente e ne viene escluso: lo escludiamo attivamente. In seguito torniamo ad alimentarlo, con due effetti che sembrano indipendenti da noi: per un verso limitiamo le nostre possibilità di azione (Freud ha chiamato questo inibizione), per un altro verso generiamo fenomeni che ci fanno stare male, ad esempio proviamo angoscia, abbiamo qualche disturbo, più o meno grave.

Oppure.

C’è un oppure, in effetti è una catena di oppure, catena sia nel senso di successione, che di incatenamento. Luigi Campagner ha trovato una parte della catena di oppure nella storia di Adolf Eichmann, come risulta dall’opera “La banalità del male” di Hannah Arendt. Trovo che sia interessante discuterne assieme, è per questa ragione che vi invito il 31 gennaio presso la Galleria Boragno alle ore 16.

 

Scatti rubati alle serate…

IMG_20121031_215646

31 Ottobre… L’inconscio, una buona idea

L'inconscio, una buona idea

Psicopatologia della vita quotidiana

- Sigmund Freud -

Teniamo riposte e represse nel nostro pensiero le migliori idee, ce le sogniamo di notte, ce le facciamo scappare nei lapsus.
Discorreremo su questo la sera di mercoledì 31.

Mercoledì 31 Ottobre 2012 alle ore 21.00 presso la Galleria Boragno.

26 Settembre… Nevrotici Praticanti

Nevrotici praticanti - Carmelo Occhipinti - Sigmund Freud

Inibizione, sintomo, angoscia

- Sigmund Freud -

Mercoledì 26 Settembre 2012 alle ore 21.00 presso la Galleria Boragno.

Pratichiamo tutti, più o meno, la limitazione del nostro pensiero. Ne conseguono pensieri mancati e soluzioni omesse, come se ci astenessimo dalla carne il venerdì e gli altri giorni della settimana. Ma gli affetti rimangono legati a ciò da cui ci asteniamo e noi li sleghiamo, li capovolgiamo e li fissiamo dove vogliamo. E qualche volta ci concediamo la costosa limitazione che un sintomo comporta …
… il seguito mercoledì sera, per quelli che passeggiano in Italia. Indossate scarpe comode e leggere!

Alcune storielle…

Illustrazione di Brad Teare per Science Fiction Classics

Illustrazione di Brad Teare per Science Fiction Classics

Ho la fortuna di avere un papà che quando ero piccina mi raccontava storie prima di addormentarmi. Le storie erano divertenti e avvincenti. A volte si concludevano nel giro di una sera, altre volte erano necessarie più puntate…
Un po’ di anni dopo scoprivo, non sempre in modo altrettanto avvincente, che una certa “monaca di Monza” era un personaggio discretamente famoso e che quel tipo  che aveva mandato un sacco di gente all’infermo e in paradiso si era fatto conoscere in tutto il modo..
Purtroppo dei personaggi meno famosi non ricordo quasi nulla. Ma una volta mi veniva raccontata una storiella ambientata in una Parigi misteriosa e magica.
Finalmente avevo capito che lavoro faceva il mio “babbo”! E la cosa sembrava interessante: un ottimo punto di vista!

Ho idea che il prossimo evento di Riflessioni a Ruota Libera sarà uno dei più belli in assoluto. Forse anche più divertente di quello di Camilleri… Ma in realtà come ci ha apparecchiato la tavola, lo sa solo lui!

A domani!

chiara

Proverbi e detti lucani – Identità e specificità di una comunita contadina

“Il dialetto è come i nostri sogni, qualcosa di remoto e di rivelatore; il dialetto è la testimonianza più viva della nostra storia, è l’espressione della fantasia”.

Federico Fellini

Sarà presente l’autrice MATERA ANGELA

presenta CARMELO OCCHIPINTI

interverranno Michele Mancino e Marisa Ferrario Denna

SABATO 5 MAGGIO 2012 – ORE 10,30

Galleria Boragno

Via Milano, 4 – Busto A. – Tel. 0331.635.753

Senza parole, tranne grazie!

Ho motivo di essere soddisfatto per ieri sera, per quanti hanno partecipato in Galleria Boragno ed in streaming, intervenendo con domande e osservazioni.

Il motivo della soddisfazione è che assieme stiamo creando una comunione di idee e di pensiero che va da San Diego,in California, a Sidney, in Australia, dove si sono svegliati alle 6 del mattino, passando per New York, Barcellona (quella spagnola, non quella siciliana), la Svizzera, Milano, Pisa e Pistoia, Ragusa e ovviamente Busto Arsizio e altri di cui abbiamo sicurezza, ma non sappiamo il posto.

Sono poche persone per ogni luogo, poche ma buone, che condividono con me il principio di dare valore alle idee ed ai fatti che abitualmente vengono messi nel nostro stesso dimenticatoio e in quello più grande della cultura. Come ad esempio l’omosessualità di Laio.

È questa anche la ragione per la quale accomuno tutti nel ringraziamento a mia figlia Chiara, che  organizza tutto, a Francesca Boragno che mi supporta culturalmente e logisticamente, a Mauro di Family Studio e Giuseppe (GB) per il sostegno e l’attrezzatura tecnica ed infine ad Altiplena che ha offerto il caffè.

Galleria Boragno

www.boragno.it

Family Studio

audio, luci e video

www.familystudio.it

29 Maggio… Il “Bureau d’echange de maux”

Il ricordo, una benedizione!

- Lord Dunsany -

Martedí 29 Maggio 2012 alle ore 21.00 presso la Galleria Boragno.

Un soggetto qualsiasi racconta in prima persona di aver scambiato un modesto disturbo con uno più grave. Ricorda come ha fatto, dove e con chi. Ma non riesce a ritrovare il posto in cui lo scambio può avvenire.

Che cosa ha a che vedere con la nostra vita psichica? Ovvero: è possibile una scelta di cui si ricordino i dettagli, senza riuscire a reperire la possibilità di modificare la scelta? Ed ancora: è possibile un lavoro per ritrovare il perduto posto delle scelte? Sarà il tema della serata del 29 maggio.