Potrebbe non essere stato chiaro …

… e potrebbe esserlo ancor meno, perché, nella sua semplicità, quello che sto per dire, non è purtroppo di immediata comprensione. Provo a dirlo meglio.

Insieme al tesoro avete sepolto una parte di voi stessi.

√ą come se, da un certo in momento, una parte dell’Io non si fosse sviluppata del tutto, rimanendo atrofizzata ad uno stadio che al momento apparteneva ad un Io embrionale che per comodit√† chiamiamo Es, che si sarebbe sviluppata adeguatamente e che invece si trova sepolta nella vostra isola sperduta nell’oceano delle cattive interpretazioni. Andare a cercare il tesoro (venirci con me) significa lavorare perch√© quell’Es non sviluppato, riprenda a crescere.

Questo Freud lo ha detto splendidamente: ‚ÄúDove era Es, Io deve avvenire come soggetto.‚ÄĚ

Per ritrovare la parte perduta dell’Io, cio√® per far s√¨ che Io avvenga come soggetto, bisogna evitare di contrastare il pensiero. Bisogna cio√® che l’Io ritrovi la possibilit√†, attraverso la padronanza del pensiero, di padroneggiare se stesso.

Non c’√® soggetto, se non √® padrone di s√©.

√ą in questo senso che mi sento di poter affermare che non c’√® contraddizione quando dico che sotto il medesimo aspetto, nello stesso momento l’Io si comporta in due modi diversi, perch√© in effetti una parte dell’Io si comporta come se ne fosse staccata, come se fosse un’altra entit√† (una parte sviluppata, un’altra atrofizzata ed √® quella che sarebbe la migliore e pi√Ļ genuina parte).

OVVERO

Negli anni della crescita, il bambino ha pensato delle soluzioni, ha intravisto dei problemi. Ma ciò non è risultato gradito a qualcuno dei suoi grandi.

Allora il bambino ha messo da parte la soluzione, l’ha conservata.

Ha omesso di finire di giudicare quello che aveva intravisto come problema, ha soprasseduto.

Insieme a questi atti del suo pensiero, ha lasciato che un pezzo di se stesso rimanesse da parte.

Nell’et√† adulta a volte succede che quella soluzione torni ad essere utile, che quel problema torni a ripresentarsi, ma la persona non pu√≤ facilmente ricorrere a ci√≤ che ha messo via.

Voglio notare adesso che a tutto ci√≤ si connette la regola analitica fondamentale, ovvero dire quello che passa per la mente senza nessuna censura, n√© da parte della persona in analisi, n√© tantomento da parte di chi occupa il posto dell’analista. Il quale semmai far√† il possibile affinch√© la persona non abbia alcuna obiezione al proprio pensiero.

Diretta Streaming (Google Hangouts)

La banalità del male

Sintonizzatevi su questa pagina¬†Sabato 31 Gennaio alle ore 16! Saremo in¬†diretta streaming¬†dalla¬†Galleria Boragno: ‚ÄúLa banalit√† del male‚ÄĚ di Luigi Campagner.¬†Interverr√† Carmelo Occhipinti.

Volete partecipare alla discussione? Fare domande o semplicemente applaudire? Seguite lo streaming direttamente dalla pagina di Google Hangouts

29 Maggio… La monaca di Monza

tra finzione e realtà,

due diversi quadri psicopatologici.

Attenzione: L’evento sar√† solo ed esclusivamente in diretta streaming!¬† Seguici in diretta sul Canale dedicato!

 

Il Manzoni prende spunto da un fatto veramente accaduto cambiandone solo alcuni dettagli, ma cosí facendo, cambia tutto.

Vi aspettiamo Mercoledi 29 maggio alle 21 per la diretta streaming.
Come sempre potrete scegliere di seguire e partecipare attraverso:

 

1. Facebook

2. Livestream

3. Riflessioni a ruota libera

 

 

Scatti rubati alle serate…

IMG_20121031_215646

Psicoanalisi, punto e a capo

Ho condotto le mie riflessioni in modo da mettere in evidenza che la serie dei disturbi di cui ci¬†occupiamo evidenzia un errore del pensiero: la repressione di una parte di se stesso. Mercoled√¨ sera¬†mostrer√≤ come all’errore repressivo occorra rispondere con la libert√† di pensare. Una libert√† che si¬†fa aiutare dai risultati della scienza medica e dalle conclusioni delle discipline morali, ma non se ne¬†fa condizionare.

31 Ottobre… L’inconscio, una buona idea

L'inconscio, una buona idea

Psicopatologia della vita quotidiana

- Sigmund Freud -

Teniamo riposte e represse nel nostro pensiero le migliori idee, ce le sogniamo di notte, ce le facciamo scappare nei lapsus.
Discorreremo su questo la sera di mercoledì 31.

Mercoledì 31 Ottobre 2012 alle ore 21.00 presso la Galleria Boragno.

Venite a fare due passi

Stavolta vi invito a una passeggiata, chiacchierando del pi√Ļ e del meno, con me e con Freud che ormai esce poco e malvolentieri. Per l’occasione mi ha assicurato che verr√†.
Faremo tre brevi ma importanti passeggiate di ricerca:

  • intorno a come pratichiamo quella che impropriamente √® chiamata nevrosi
  • evidenziando ci√≤ che facciamo per liberarcene
  • mettendo in luce il vero analista che √® il soggetto in analisi.

Noterete sicuramente che ho riscritto i titoli delle serate.

26 Settembre… Nevrotici Praticanti

Nevrotici praticanti - Carmelo Occhipinti - Sigmund Freud

Inibizione, sintomo, angoscia

- Sigmund Freud -

Mercoledì 26 Settembre 2012 alle ore 21.00 presso la Galleria Boragno.

Pratichiamo tutti, pi√Ļ o meno, la limitazione del nostro pensiero. Ne conseguono pensieri mancati e soluzioni omesse, come se ci astenessimo dalla carne il venerd√¨ e gli altri giorni della settimana. Ma gli affetti rimangono legati a ci√≤ da cui ci asteniamo e noi li sleghiamo, li capovolgiamo e li fissiamo dove vogliamo. E qualche volta ci concediamo la costosa limitazione che un sintomo comporta …
… il seguito mercoledì sera, per quelli che passeggiano in Italia. Indossate scarpe comode e leggere!

Alcune storielle…

Illustrazione di Brad Teare per Science Fiction Classics

Illustrazione di Brad Teare per Science Fiction Classics

Ho la fortuna di avere un pap√† che quando ero piccina mi raccontava storie prima di addormentarmi. Le storie erano divertenti e avvincenti. A volte si concludevano nel giro di una sera, altre volte erano necessarie pi√Ļ puntate…
Un po’ di anni dopo scoprivo, non sempre in modo altrettanto avvincente, che una certa “monaca di Monza” era un personaggio discretamente famoso e che quel tipo¬† che aveva mandato un sacco di gente all’infermo e in paradiso si era fatto conoscere in tutto il modo..
Purtroppo dei personaggi meno famosi non ricordo quasi nulla. Ma una volta mi veniva raccontata una storiella ambientata in una Parigi misteriosa e magica.
Finalmente avevo capito che lavoro faceva il mio “babbo”! E la cosa sembrava interessante: un ottimo punto di vista!

Ho idea che il prossimo evento di Riflessioni a Ruota Libera sar√† uno dei pi√Ļ belli in assoluto. Forse anche pi√Ļ divertente di quello di Camilleri… Ma in realt√† come ci ha apparecchiato la tavola, lo sa solo lui!

A domani!

chiara

Proverbi e detti lucani РIdentità e specificità di una comunita contadina

“Il dialetto √® come i nostri sogni, qualcosa di remoto e di¬†rivelatore; il dialetto √® la testimonianza pi√Ļ viva della¬†nostra storia, √® l’espressione della fantasia”.

Federico Fellini

Sar√† presente l’autrice MATERA ANGELA

presenta CARMELO OCCHIPINTI

interverranno Michele Mancino e Marisa Ferrario Denna

SABATO 5 MAGGIO 2012 – ORE 10,30

Galleria Boragno

Via Milano, 4 – Busto A. – Tel. 0331.635.753