La voce del cuore

Sabato 19 alle ore 17 a Ragusa presenterò il libro di poesie dell’amico Nino Molé. Non so ancora se riuscirò a trasmettere in diretta l’evento, di sicuro nei giorni successivi metterò on line la registrazione. Vi invito perciò a provare a collegarvi. Tra le ragioni di interesse, indico la seguente: Nino riflette a lungo, poi scrive di getto e non ricopia al computer, ma riscrive. Ne risulta una poesia fresca e originale nell’uso della lingua siciliana e nella semplice dinamica degli affetti evocati. Come al solito, se sarò on line, sarà possibile intervenire via chat. Se riuscirò a saperlo prima, invierò una mail di conferma della diretta.
Carmelo Corrado Occhipinti

Le radici (Traduzione dell’Autore)

Le radici, commentava un amico,
sono per noi un cordone ombelicale

che ci unisce agli altri nella nostra vita
come la mano unisce le cinque dita,

o come l’albero che cresce nella propria terra
e senza questa terra la sua vita muore

per questo la stringe con le proprie radici
e difende dall’acqua la propria preziosa terra

così matura i propri bei frutti e dolci
che nel mondo fanno godere tutti.

Buono mi sembrò il commento ed il paragone,
ma chissà perché mi venne in mente il faraone

e tutti i potenti, ciascuno nel proprio tempo,
dopo il loro avvento ci hanno impoveriti

per portare guerre ai nemici e agli stranieri
che non esistono, se uno riflette onestamente,

l’onestà della vera e santa verità,
che è tale in ogni posto e senza tempo,

come hanno scoperto gli scienziati
che se non sono prezzolati non inventano fesserie

che tutti da una antica e nuova terra siamo partiti
e cercando acqua ed animali ci siamo evoluti,

ma è cresciuta in noi l’invidia per le cose altrui
e cominciammo a guerreggiare

per possedere un territorio sempre più grande
e renderlo nostro giardino

imponendo su questo leggi a nostro vantaggio
che spesso provocavano un disastro

disastro provocato da fattori ambientali alterati
o dal vicino che ci restituiva la nostra guerra

rendeva schiavi i nostri padri
stuprava le nostre donne lasciandole incinte

e questo in tutti i tempi è stata una consuetudine
che tutt’oggi stentiamo a condannare

tutto ciò ci potrebbe aiutare
a riflettere sui fatti e riconsiderare

che le vere radici sono nella comune terra atavica
e nella discendenza comune anche se non voluta.

Angelo Pluchino

I rarichi

I rarichi sintia riri ri ‘n amicu
sunu ppi niautri u uddicu

ca n’ancuccia nni la nostra vita
comu a manu e i cincu ita

o comu a maccia ca nno so terrinu crisci
e senza r’idu a so vita lesta sprisci

e picchissu nne so rarichi u rinserra
e difenni ri l’acqua a so priziusa terra

accussì matura li so bedi e aruci frutti
ca nni lu munnu guriri fanu tutti

bedu mi parsi u riscursu e u parauni
ma sa picchì mi vinni ‘n testa u farauni

e tutti li putenti ca nno so tiempu e duoppu
àna vinutu lassannini ccu la manu a cuoppu

ppi fari li so verri a stranieri e fora regnu
ca ‘un ci sunu se unu pensa ccu ritiegnu

u ritiegnu ri la vera e santa viritÃ
ca èni senza luocu e senza età

comu àna iutu scrupiennu li scinziati
ca se nun su paiati nun ricinu minciati

ca tutti ri ‘na terra nova e antica ni partiemmu
e assicutannu iacqua e armali assai crisciemmu

ma ni crisciu puru a ‘miria ri li cosi ri li frati
e accuminzammu subbitu a pijjiarini a pitrati

ppi pijjiarini sempri ciù tirrinu
e fallu ‘divintari nuostru iardinu

faciennici supra lijji a cuntu nuostru
ca spissu ni purtavinu o disastru

disastru ppo siccu rifiutu ri la terra
o ppo vicinu ca ni rinnia a nostra verra

e mentri i nuostri patri si purtava cche brijji
e nuostri fimmini lassavinu a simenza re so fijji

e chistu nna tutti i tempi à statu ‘n usu
c’ancora ojji stintamu a ricanusciri pp’abbusu

stu fattu però ni putissi aiutari
a riflettiri su li cosi e ripinsari

ca li veri rarichi sunu nni la cumuni terra antica
e nni la discinnenza cumuni puru se ‘minnica