Commento a caldo…

…Insomma, quello lì ha parlato per un po’… la scuola, i bambini, il ragazzino… e poi Dante con Paolo (ma dove? Paolo non si vede mai, né in riflessioniaruotalibera e quasi neanche con Dante, al massimo quello trema e dà un po’ di baci) e soprattutto Francesca…
Ma come funziona? Alcuni dicono che Francesca non avrebbe accettato l’idea che l’amore era un sentimento dentro di lei, scaturito dal suo pensiero. Altri invece hanno detto che Francesca era ben consapevole di tutto e che la sua ribellione alla vita a cui era stata obbligata l’avrebbe portata sì all’inferno, ma vincitrice al 100%.
E com’era poi davvero la questione alla fine chi lo sa? Non so, ma nel primo caso Dio lo capisco un po’ di più… e mi sembra anche un po’ meno “cattivello”!
Vabbè, ma in fondo vogliamo mettere con la soddisfazione di sapere che anche Francesca (la nostra) da ragazza stava sveglia la notte per leggere i libri di suo gradimento e non ne voleva sapere di quelli scolastici?
è stata una buonissima “cena”! Grazie a tutti!

Carmelo Occhipinti – psicoanalista

Carmelo Occhipinti, psicologo e psicoanalista, è nato a Ragusa nel 1950. Vive e lavora a Busto Arsizio dal 1974. Ha lavorato nella scuola, imparando il più possibile. Qualche volta ha anche insegnato, raramente in verità.

Ha cominciato a imparare da insegnante prima alle elementari, poi alle scuole superiori di Busto e Gallarate

Era e rimane convinto che imparare sia compito degli alunni e non bisogna disturbarli. Siccome per mantenere il diritto allo stipendio doveva costringerli, stabiliva chiaramente i limiti di questa odiosa costrizione. Della quale pensa ancora che sia un male necessario, ma una volta identificato come male, ci si può sbizzarrire a seguire le proprie inclinazioni, curiosità, interessi. Così leggere e studiare può diventare un piacere.

Da alunno ricorda di essere andato a scuola poche volte avendo svolto tutti i compiti, però leggeva molto e disordinatamente, solo che ad un certo punto si accorgeva, con un certo piacevole disappunto, di avere letto anche le parti obbligatorie.

Come psicoanalista e psicoterapista, le due cose sembrerebbero inconciliabili, pensa di non riuscire a guarire nessuno e lo dice chiaramente. Ma concede la possibilità che qualcuno possa guarire attraverso il lavoro con lui. Cocomeri e guerre è la rielaborazione della sua esperienza. Si ripromette di continuare con lo stesso stile.

“… vi invito a credere nel vostro pensiero. Se proprio volete essere precisi, potete distinguere tra ciò che pensate, ciò che fantasticate, ciò che desiderate o che desiderereste.”

(Cocomeri e guerre, pag. 12).

Per contattare personalmente Carmelo Occhipinti scrivete una e-mail a carmelocorradoocchipinti@yahoo.it oppure chiamate 348.5118087

As-saggi, Camilleri e Simenon a colazione

Cocomeri e Guerre